Appartamenti in Agriturismo con piscina a Siena

  • siena agriturismo
  • siena agriturismo
  • siena agriturismo
  • siena agriturismo
  • siena agriturismo
  • siena agriturismo
  • siena agriturismo

Storia

La storia de La Prodaia è strettamente intrecciata a quelle dell’adiacente e antico Monastero di Sant’Eugenio Abate e della vicinissima città di Siena, della cui municipalità fa parte.
Fondato nel secolo VIII dal Gastaldo longobardo Warnafrido e assegnato alle cure dei monaci benedettini, il Monastero di Sant’Eugenio Abate ha vissuto nei secoli vicende alterne, fino a passare agli inizi del ‘900 alle Figlie della Carità di San Vincenzo de’ Paoli, che tutt’oggi lo custodiscono.
Parallelamente, nel corso del medioevo la città di Siena si struttura in circoscrizioni civili e religiose che assumeranno in seguito il nome di Contrade, aventi importanti funzioni di carattere sociale, amministrativo e militare.
Pari sorte toccò all’area circostante il Monastero, dove le parrocchie del contado fino a ridosso delle mura di Siena vennero riunite in una contrada che prese nome della “Quercia”, e che fino alla sua soppressione e conseguente annessione alla contrada della Chiocciola (1730) costituì l’unica contrada senese ad estendersi su un territorio esterno alle mura cittadine.
Le origini de La Prodaia sono direttamente legate all'influenza dell'attiguo Monastero. Il primo nucleo dell’edificio principale, risalente al secolo XVI, fu infatti eretto dalle famiglie dei fattori e dei contadini assegnati alla cura dei terreni del Monastero immediatamente adiacenti al lato sud dell’edificio.
Il nome stesso de La Prodaia deriva dal termine “proda”, sinonimo di ripa, o bordo, in quanto i terreni spettanti a questa casa – o “podere” – erano situati sul fianco di una strada che appunto costituiva un confine delle terre del Monastero. Pur non esistendo documenti che attestino la costruzione dell’edificio originario per opera dei nostri antenati, è accertato che la nostra famiglia risiede a La Prodaia da oltre 500 anni, rilevando la proprietà del podere agli inizi del secolo scorso.

SIENA E IL PALIO
La storia di Siena, delle sue Contrade e del famoso Palio è tanto ricca da non potersi riassumere in queste poche righe. Ci teniamo però a ricordare come la festa del Palio sia per la città ben più di una tradizione antica e ininterrotta, godendo tutt’oggi di una vitalità assoluta e rivestendo un ancora ruolo centrale nella vita sociale e civile della città di Siena. Assistere al Palio è un’emozione unica, di rara intensità, che rimane anche per i non senesi un’esperienza assolutamente indimenticabile.
Per maggiori informazioni sul Palio e sulle Contrade di Siena, si rimanda al sito del Comune di Siena: http://palio.comune.siena.it